L’EIT, il primo passo verso la riduzione dell’impatto ambientale. Si basa su un approccio pragmatico che considera che a una data scala geografica (zona industriale, agglomerato, dipartimento, ecc.), e qualunque sia il proprio settore di attività, ognuno può ridurre il proprio impatto ambientale cercando di ottimizzare e/o potenziare i flussi (materiali, energie, persone, ecc.) che utilizza e che genera. L’EIT si basa quindi su uno studio della natura, origine e destinazione dei flussi per identificare e sviluppare sinergie industriali, avviare la messa in comune di risorse e servizi e la condivisione di infrastrutture. L’ecologia industriale e territoriale può anche contribuire all’emergere di attività di intermediazione tra emettitori e consumatori. “Concretamente, è così che i tuoi rifiuti e sottoprodotti possono diventare una materia prima in un’altra attività, o la tua energia può provenire dal calore fatale di un sito vicino. “ I vantaggi economici, sociali e ambientali dell’EIT costituiscono quindi grandi sfide, sia per le imprese (competitività) che per le comunità (attrattività territoriale).